ANALISI DI MERCATO per i Servizi Pubblici Locali

Il 12 agosto è spirato il termine entro il quale le Pubbliche Amministrazioni dovevano adeguarsi alla nuova normativa relativa alle liberalizzazioni in tema di Servizi Pubblici Locali. Proviamo a fare il punto. Il settore dei servizi pubblici locali di rilevanza economica è stato interessato da intensi e ripetuti processi di riforma. Nel corso del 2011 sono infatti avvenuti tre mutamenti del contesto normativo: cd decreto Ronchi, referendum abrogativo, ed il decreto legge 138/11. Dal 13 agosto 2011 quindi l’articolo 4 del dl 138/11, convertito con modifiche dalla legge 148/11, inserisce una nuova regolazione del settoreriproponendo nell’ordinamento le norme rivisitate dell’abrogato articolo 23 bis ex dl 112/08 s.m.i. e del dpr 168/10, suo regolamento attuativo, che a loro volta già riformavano la materia in direzione di una decisa liberalizzazione del mercato.   Ora, l’articolo 4 del Dl 138/2011 richiede agli enti locali di verificare la realizzabilità di una gestione concorrenziale dei servizi pubblici economici e privatizzare le attività, compatibilmente con le caratteristiche di universalità e accessibilità del servizio, limitando i servizi da concedere in esclusiva alle ipotesi in cui, in base ad una analisi di mercato, la libera iniziativa economica privata non risulti idonea a garantire un servizio rispondente ai bisogni della comunità. Le verifiche devono approdare in una delibera quadro, che deve dimostrare l’istruttoria compiuta ed evidenziare i settori sottratti alla liberalizzazione, il fallimento del sistema concorrenziale e, dall’altro lato, i benefici per lo sviluppo e l’equità della comunità locale derivanti dal mantenimento di un regime di esclusiva del servizio. La delibera va pubblicizzata e inviata all’Autorità garante della concorrenza e del mercato ai fini della relazione al Parlamento. Questa operazione deve essere portata a compimento entro il 12 agosto 2012 e poi effettuata periodicamente secondo gli ordinamenti locali e, in ogni caso, prima di procedere al conferimento e al rinnovo della gestione dei servizi. Se posta in essere con l’oculatezza necessaria, la procedura sopra illustrata presenta un significativo grado di complessità cui deve corrispondere una capacità di intervento da parte delle amministrazioni pubbliche che sia adeguata ed appropriata ai dettami della norma. Ci riferiamo evidentemente alle verifiche necessarie alla valutazione della realizzabilità della gestione concorrenziale, e segnatamente all’analisi di mercato su cui le stesse debbono essere basate. Riteniamo che all’interno delle pubbliche amministrazioni sia difficile reperire le professionalità, ed il grado di indipendenza, necessarie per effettuare le specialistiche e laboriose analisi richieste per determinare se, per uno specifico Servizio Pubblico Locale, la libera iniziativa economica sia idonea o meno a garantire determinati servizi rispondenti ai bisogni della comunità. E’ per questo motivo che la Brain si propone quale PARTNER affidabile e competente della PA per la redazione delle suddette ANALISI DI MERCATO: l’adeguato livello qualitativo, il giusto grado di indipendenza e la tempestività con cui garantiamo che le stesse saranno realizzate consentiranno alle PA di assumere, in merito alla materia dei servizi pubblici locali, decisioni razionali, eque, nell’interesse della comunità e nel pieno rispetto dell’impianto normativo.   In ultimo, è bene evidenziare che il lavoro svolto per la redazione delle citate analisi di mercato, può essere utilmente riutilizzato dalle PA per la eventuale preparazione dei bandi e la definizione delle condizioni economico-operative che rendono appetibili sul mercato, dal punto di vista economico-finanziario, l’affidamento dei servizi pubblici locali. In particolare, al fine di predisporre gare ad evidenza pubbliche che siano ad un tempo significative/interessanti per il mercato e vantaggiose per l’ente, è possibile, sulla base del costruito modello economico-finanziario, operare un’analisi di SENSITIVITA’  che metta in relazione, per la singola ipotesi di affidamento, i vantaggi/svantaggi dell’ente con l’appetibilità economico-finanziaria dell’affidamento del servizio.

Seminario Confidustria Salerno - 3 ottobre 2017
Informati
Convegno Confindustria Perugia - 15 settembre 2017
Informati
fintech
Scopri qual è la visione di Brain sull'evoluzione del Corporate Finance!
Informati
Due start up al servizio della finanza delle imprese
Informati
Le soluzioni finanziarie a portata di click!
Informati
Giro di vite sulle banche che saranno costrette a fare i conti con paletti stringenti nel calcolo delle competenze
Informati
Joint Venture Metoda
Siglata la JOINT VENTURE tra "Brain Società di Consulenza Finanziaria srl" e "Metoda Finance srl"
Informati
Il 24.02.12, nella sede di Metoda, il Dott. Nicola Occhinegro ha tenuto un workshop sull'advisoring finanziario
Informati
Brain Banking Intelligence. Scopri chi siamo e cosa possiamo fare per te!
Informati
Il nostro servizio di business intelligence dedicato al controllo e governo della finanza aziendale.
Informati